Quantcast
Testamento biologico a 1 euro | BioBlog

Testamento biologico a 1 euro

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche Dossier
Tag: #eutanasia #testamento biologico
Condividi:

In questi ultimi mesi dopo il clamore destato dal caso Welby, successivamente da Eluana Englaro, in coma dal 1992 a cui la cassazione ha dato parere positivo per interrompere l’alimentazione, e quindi il video testamento di Paolo Ravasin nel quale chiede che non ci sia un accanimento terapeutico il Collegio Notai di Verona per voce del presidente Gabriele Noto propone l’introduzione di un testamento di vita o testamento biologico. Il dottor Manciano, presidente del collegio Triveneto, la settimana scorsa nel proprio studio a Mestre ha messo il sigillo al primo testamento biologico a prezzo simbolico di 1 €. Alla fine a decidere, spiega, saranno sempre i medici. «Il notaio è il giurista della prevenzione – osserva –  in questo caso siamo giuristi di “prima linea”, perché non esiste una legge che regoli la materia. Ma ci sono delle sentenze, anche di Cassazione, che delineano una cornice, norme che consentono un’interpretazione. Insomma, ci muoviamo all’interno di un’area lecita». I veri attori del testamento, rileva Marciano, sono tre: «La persona che sottoscrive l’atto; il fiduciario, che dovrà  rappresentarle queste volontà  ai medici; i medici, che sono i soli, in ultima istanza, a dover decidere come curare il paziente seguendo la propria deontologia e il giuramento professionale». «Non c’è invasione di campo, una compressione di competenze altrui – aggiunge -. Si dà  un strumento con cui far arrivare al medico le volontà  del paziente che non può più parlare». L’attuale atto che possono sottoscrivere le persone sarebbe molto simile al documento con il quale si può lasciare ai parenti la propria volontà  sull’espianto di organi post-mortem. Il costo, prima dell’iniziativa dei Notai era di 70€ circa, mentre ora essendo un’esigenza molto sentita si deciso di offrire il testamento di vita al costo simbolico di un euro. [foto wikipedia]

Publicato: 28/7/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Morta la donna che chiedeva l’eutanasia

È morta ieri la donna che ha chiesto invano a Sarkozy l’eutanasia a causa dei fortissimi e persistenti dolori provocati da un tumore alla cavità  nasale. Il corpo della donna è stato trovato senza vita nella sua abitazione esattamente due giorni dopo il no perentorio dei giudici alla sua richiesta di concederle la dolce morte.… Continua a leggere Morta la donna che chiedeva l’eutanasia

20/3/2008Bio Blog

Tumore al naso: Sarkozy fammi morire!

River riporta la storia di una signora francese di 52 anni, Chantal Sebire, affetta da una malattia molto grave, un tumore che colpisce la cavità  nasale. Il problema sorse circa otto anni fa, nel 2000: iniziò a smettere di sentire i sapori e gli odori. Poi, pian piano, la severità  dei sintomi si è acuita,… Continua a leggere Tumore al naso: Sarkozy fammi morire!

29/2/2008Bio Blog

Un medico, un malato, un uomo

Mi è stato gentilmente donato dalla Casa Editrice Lindau il libro di Mario Malazzini “Un medico, un malato, uomo” (acquistabile qui) una biografia di un medico di successo, già  primario di Oncologia a soli 39 anni, che si scopre malato di una di quelle malattie che non perdonano e alla fine di un percorso interiore… Continua a leggere Un medico, un malato, un uomo

23/12/2007Bio Blog

Cosa ne pensi dell’eutanasia?

L’eutanasia -letteralmente buona morte- è la pratica che consiste nel procurare la morte nel modo più indolore, rapido e incruento possibile a un essere umano (o ad un animale) affetto da una malattia inguaribile ed allo scopo di porre fine alla sua sofferenza. In Italia, l’eutanasia attiva è assimilabile, in generale, all’omicidio volontario (art. 575… Continua a leggere Cosa ne pensi dell’eutanasia?

19/4/2007Bio Blog