Quantcast
Telemedicina in Lombardia | BioBlog

Telemedicina in Lombardia

Categoria: Apparecchiature Archivio BioBlog news
Tag: #Ministero della Salute #ospedalizzazione domiciliare #telemedicina #telesorveglianza #trauma cranico
Condividi:

Dodici percorsi di assistenza al paziente supportati da tecnologie dell’informazione che coinvolgono pazienti diabetici, malati di BPCO e scompensati cardiaci. La Regione Lombardia è in prima linea nella diffusione della telemedicina ed è stata scelta dal Ministero della Salute per coordinare tutte le regioni italiane in un progetto europeo. Questi sono i progetti e le sperimentazioni in corso, supportati da strumenti di telemedicina: I servizi sperimentali “Nuove Reti Sanitarie” (NRS) si avvalgono di tecnologie di base (telesorveglianza domiciliare cardiaca, ospedalizzazione domiciliare cardioriabilitativa, ospedalizzazione domiciliare oncologica) e sono già  molto accettati e quasi a regime (finanziati direttamente dalla Regione). Le sperimentazioni “Telemaco” che comprendono la telesorveglianza domiciliare pneumologica, il teleconsulto specialistico con un medico di medicina generale e il trasferimento di immagini fra PS, indicati nell’ictus e nei traumi cranici. Altri progetti più ambiziosi, come IgeaSat, richiedono ancora un notevole impegno di tempo, di organizzazione e anche di finanziamenti  ad hoc, per poter entrare in uso.

Publicato: 4/2/2009Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Sequestro del prodotto per bambini “Nimbus”, un errore

Negli ultimi 10 giorni erano in corso di esecuzione in varie ASL d’Italia ordini di sequestro per il prodotto nutraceutico per bambini “NIMBUS”, un coadiuvante nutrizionale per bambini distribuito da Nutrigea, utile per bilanciare efficacemente deficit di attenzione ed iperattività  dei più piccoli. Il Ministero Salute aveva attivato misure restrittive per una presunta mancata notifica… Continua a leggere Sequestro del prodotto per bambini “Nimbus”, un errore

11/12/2009Bio Blog