Quantcast
Sangue al cervello sotto stress | BioBlog

Sangue al cervello sotto stress

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche Patologie
Tag: #cervello #malattie coronariche #stress #vasodilatazione
Condividi:

Sembra un modo di dire, ma in realtà  funziona proprio così: un po’ di stress e il sangue se ne va al cervello. E’ questo il risultato di uno studio condotto da Tasneem Naqvi e Hahn Hyun, esperti dell’Università  della California e del Cedars-Sinai Medical Center, che hanno dimostrato che negli individui che non soffrono di pressione alta lo stress mentale causa la dilatazione della carotide, il vaso che porta il sangue al cervello. La ricerca, pubblicata da Cardiovascular Ultrasound, ha coinvolto 32 soggetti sani e 28 individui che soffrono di ipertensione. Ognuno è stato sottoposto a tre test che causano stress mentale; poco dopo l’ampiezza della carotide è stata misurata utilizzando gli ultrasuoni. Tutti e tre i test hanno causato un aumento del diametro medio dell’arteria e un incremento del flusso sanguigno negli individui sani, ma non negli ipertesi. Questa differenza non è stata riscontrata quando, invece, veniva somministrata nitroglicerina, un vasodilatatore; secondo i ricercatori, ciò indica che i soggetti ipertesi presentano un’alterazione delle funzioni dell’endotelio, cioè della parete interna dei vasi. “Una vasocostrizione inappropriata, o la mancanza di vasodilatazione in risposta allo stress mentale nelle malattie coronariche del cuore contribuiscono alla generazione di ischemie al miocardio e conferiscono un rischio maggiore ai pazienti che soffrono di patologie coronariche”, dicono gli autori. “La misurazione della reazione delle coronarie indotta dallo stress mentale è un nuovo metodo per determinare l’impatto dell’ipertensione sulle funzioni dell’endotelio cerebrovascolare e sul flusso sanguigno”. Fonte: Tasneem Z Naqvi e Hahn K Hyuhn, Cerebrovascular mental stress reactivity is impaired in hypertension. Cardiovascular Ultrasound 2009, 7:32 doi:10.1186/1476-7120-7-32

Publicato: 13/7/2009Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

infinitamente scienza

Infinitamente… scienza!

Conoscere la scienza significa leggerla, ascoltarla, vederla e soprattutto viverla. Tutto questo sarà  possibile durante il festival della scienza “Infinitamente” che si terrà , per la sua seconda edizione, a Verona da giovedì 28 a domenica 31 gennaio 2010. Il nome della manifestazione allude non solo alle infinite possibilità  della mente umana e della ricerca, ma… Continua a leggere Infinitamente… scienza!

28/1/2010Bio Blog

Scoperti nuovi geni responsabili dell’Alzheimer

Scoperti due nuovi geni che hanno un ruolo di particolare importanza nella genesi della malattia di Alzheimer. La ricerca, frutto di una collaborazione europea sulla malattia di Alzheimer, ha dimostrato che particolari varianti dei geni CLU (o APOJ) e CR1 sono associate in modo significativo alla malattia. Lo studio e’ presentato sull’ultimo numero della prestigiosa… Continua a leggere Scoperti nuovi geni responsabili dell’Alzheimer

14/9/2009Bio Blog

Bio-gel rigenera il tessuto cerebrale

Sviluppato un gel innovativo che potrebbe stimolare il tessuto cerebrale a rigenerarsi una volta iniettato nell’area del cervello lesionata. A mettere a punto il nuovo materiale e’ stato un gruppo di bioingegneri della Clemson University, secondo quanto riportato da un articolo pubblicato sul sito di Science Daily. Dagli studi condotti, il gel composto da biomateriali… Continua a leggere Bio-gel rigenera il tessuto cerebrale

6/9/2009Bio Blog

Mallattia di Huntington: il ruolo delle proteine

La malattia di Huntington è una malattia rara degenerativa del sistema extrapiramidale che rientra nel gruppo delle sindromi ipercinetiche. La malattia è stata descritta nel 1872 da George Huntington. Tale patologia si presenta con caratteristiche quali ereditarietà , disturbi del movimento, fra cui còrea (dal greco, danza), disturbi cognitivi e del comportamento. L’età  d’esordio si colloca… Continua a leggere Mallattia di Huntington: il ruolo delle proteine

14/7/2009Bio Blog