Quantcast
RU 486: la pillola abortiva | BioBlog

RU 486: la pillola abortiva

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche Farmaci
Tag: #aborto #aborto chirurgico #aborto farmacologico #Farmaci #pillola abortiva #pillole #ru 486
Condividi:

L’ultima frontiera dell’aborto si chiama RU 486, anche nota come Mifegyne. Senza aprire polemiche sulla giustizia dell’aborto e sulla sua legimità , questo articolo vuole essere pura informazione. In Svizzera la pillola abortiva è in circolazione da quasi 10 anni! Tutti sanno com’è l’aborto, ma vediamo come funziona

  • ABORTO CHIRURGICO, viene effettuato entro i 90 giorni dal concepimento o 14 settimane dopo l’ultima mestruazione. Come dice la parola stessa consiste in una vera e propria operazione chirurgica fatta in anestesia locale o a meno. Il metodo usato è quello per aspirazione, mediante un divaricatore metallico si fanno allargare vagina e collo dell’utero e si inserisce una cannula aspiratrice che in 20 minuti aspira tutto il tessuto embrionale. In alcune strutture l’aborto viene praticato manualmente, da un medico, ma tralasciamo questo metodo alquanto delicato. Quello che interessa è parlare della pillola abortiva, che porta ad:
  • ABORTO FARMACOLOGICO: Mefegyne blocca la produzione di progesterone, induce contrazioni uterine grazie alla prostaglandina che provoca così l’espulsione dell’embrione. L’aborto viene fatto assumendo in un primo giorno 3 compresse della RU486 dopo due giorni altre 2. Nel giro di poco tempo vengono espulsi i tessuti embrionali.

Le conseguenze sono da classificare in due categorie:

  • Aborto completo – riuscito –
  • Aborto incompleto -non riuscito-

Nel caso dell’aborto riuscito, vengono espulsi l’embrione e i tessuti e si hanno delle perdite di sangue più abbondanti di una normale mestruazione. Nel caso dell’aborto chirurghico si possono verificare

  1. Ferite o traumi della parete uterina
  2. Infezioni
  3. Coaguli vascolari

Nel caso dell’aborto farmacologico

  1. Insuccesso del metodo (5% delle possibilità )
  2. Nausea, crampi addominali
  3. Perdite di sangue per un periodo abbastanza prolungato

Nel caso in cui l’aborto non vada a buon fine è necessario ricorrere al metodo d’aspirazione. La pillola abortiva è stata introdotta come metodo abortivo meno invasivo e traumatizzante per la donna. E’ bene ricordare che mentre la donna assume le pillole e prima che sia concluso il ciclo può anche interrompere tutto e cambiare idea, con l’aborto chiururgico è difficile ripensarci dopo averlo fatto.

Publicato: 26/11/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Malformazioni e disfunzioni dell’apparato riproduttore femminile

L’articolo propone una rassengna semplice e sintetica delle principali disfunzioni che impediscono di mettere al mondo un bambino.

30/10/2008Bio Blog

Test per la diagnosi prenatale della Sindrome di Down

Messa a punto nuova tecnica non invasiva in grado di diagnosticare la sindrome di Down nel periodo fetale attraverso un esame del sangue materno. Lo annuncia sulla rivista Pnas (Proceedings of the National Academy of Science) un gruppo di ricercatori della Stanford University (California). La sindrome di Down si verifica quando un bambino ha tre… Continua a leggere Test per la diagnosi prenatale della Sindrome di Down

9/10/2008Bio Blog

Problemi in gravidanza: causa del peso corporeo

Le donne che non cercano di perdere peso dopo la prima gravidanza rischiano di incorrere in problemi maggiori nel caso in cui dovesse sopraggiungere una seconda gestazione. Questo è quanto affermano alcuni dottori di Harvard, in accordo con il Karolinska Institute. Il rischio purtroppo non esiste solo per le donne che risultino in sovrappeso tra… Continua a leggere Problemi in gravidanza: causa del peso corporeo

30/9/2006Bio Blog