Quantcast
Royalty per i test genetici | BioBlog

Royalty per i test genetici

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche Cancro Esami non invasivi Foto e illustrazioni Genetica (DNA)
Tag: #gene #mutazioni genetiche #test
Condividi:

L’Università  dello Utah ha vinto la battaglia per mantenere in Europa alcuni suoi brevetti sul gene BRCA 1, associato al tumore al seno e a quello ovarico. La sentenza, inappellabile, dell’ufficio brevetti europeo pone fine a una controversia di vecchia data e aggiunge un tassello al delicato problema della brevettabilità  della vita. D’ora in avanti, quindi, l’università  con sede al Salt Lake Cuty potrà  esigere il pagamento delle royalty per ciascuno delle decine di migliaia di test genetici condotti ogni anno sulle donne europee per scoprire se sono portatrici di mutazioni del gene BRCA 1, che aumenta il rischio di insorgenza del tumore al seno o all’ovaio (5000 nuovi casi/anno solo nell’UE). Nel 2001, la Myriad Genetics e l’Università  dello Utah avevano ottenuto il riconoscimento di tre brevetti su BRCA 1 in Europa, la cui proprietà  nel 2004 è passata alla sola università . Dopo quest’ultima decisione inappellabile, i proprietari del brevetto hanno deciso di mantenerlo solo negli stati europei più grandi e non in quelli più piccoli come, per esempio, il Belgio.

Publicato: 23/1/2009Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

cuio capelluto

Ecco il colpevole della caduta dei capelli: il gene APCDD1

Uno studio americano pubblicato su Nature, dimostra che il gene APCDD1, localizzato nel cromosoma 18, è il responsabile della  ipotricosi simplex ereditaria. La patologia è caratterizzata da una progressiva perdita di capelli dovuta ad un fenomeno chiamato miniaturizzazione del follicolo: i capelli si restringono e si rimpiccioliscono, finendo per essere sostituiti da una sorta di… Continua a leggere Ecco il colpevole della caduta dei capelli: il gene APCDD1

24/4/2010Bio Blog

Mutazione regola risposta all’insulina

Identificata una variazione genetica che influisce sulla risposta dei diabetici all’ormone insulina. Nelle persone con il diabete di tipo 2, infatti, certe mutazioni possono impedire al corpo di utilizzare l’insulina necessaria alla sopravvivenza. Questa scoperta potra’ aiutare gli scienziati a sviluppare nuove terapie per combattere la malattia. Sono state identificate nel passato numerose mutazioni genetiche… Continua a leggere Mutazione regola risposta all’insulina

14/9/2009Bio Blog

Il gene dei nani

Viene dai laboratori di Heidelberg la nuova spiegazione al perché alcuni individui sono molto più bassi della media. I ricercatori del team di Gudrun Rappold, direttore del Dipartimento di Genetica Molecolare Umana dell’Ospedale Universitario di Heidelberg, hanno individuato delle mutazioni all’interno delle porzioni di DNA che regolano l’espressione di SHOX (short stature homeobox gene), un… Continua a leggere Il gene dei nani

29/8/2009Bio Blog

Mallattia di Huntington: il ruolo delle proteine

La malattia di Huntington è una malattia rara degenerativa del sistema extrapiramidale che rientra nel gruppo delle sindromi ipercinetiche. La malattia è stata descritta nel 1872 da George Huntington. Tale patologia si presenta con caratteristiche quali ereditarietà , disturbi del movimento, fra cui còrea (dal greco, danza), disturbi cognitivi e del comportamento. L’età  d’esordio si colloca… Continua a leggere Mallattia di Huntington: il ruolo delle proteine

14/7/2009Bio Blog