Quantcast
Neurogenesi a vita | BioBlog

Neurogenesi a vita

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche Dossier
Tag: #cervello #neurogenesi #neuroni
Condividi:

Un team di ricercatori del CNR – LUMSA – EBRI mostra come neuroni “appena nati” nel cervello adulto divengano agenti attivi nei processi di apprendimento e memoria. I risultati sono pubblicati sulla rivista Plos Biology. La neurogenesi, ovvero la nascita di nuovi neuroni nel cervello, come mostrato in ricerche recenti svolte da ricercatori del CNR – LUMSA – EBRI presso il Centro Europeo di Ricerca sul Cervello (European Brain Research Institute, centro di ricerca scientifica internazionale interamente dedicato allo studio delle neuroscienze e ispirato scientificamente dalla Prof.ssa Rita Levi-Montalcini) dopo l’età  dello sviluppo non cessa, ma continua per tutta la vita in particolare nell’ippocampo. L’ippocampo è quella parte del cervello localizzata nella zona mediale del lobo temporale. Fa parte del sistema limbico e svolge un ruolo importante nella memoria a lungo termine e nella navigazione spaziale. Gli esseri umani e gli altri mammiferi possiedono due ippocampi, uno in ogni emisfero del cervello. Il nome lo si deve alla particolare forma curva e convoluta, che ispirò ai primi anatomisti l’immagine di un cavalluccio marino. Gli studi svolti, non sono stati in grado di rispondere come i neuroni “nuovi” vadano ad integrarsi con quelli già  esistenti, contribuendo di fatto alla formazione di nuovi ricordi e al mantenimento dei vecchi. Alcuni neuroscienziati, coordinati da Felice Tirone dell’Istituto di Neurobiologia e Medicina Molecolare (INMM) del CNR, in collaborazione con il professor Vincenzo Cestari dell’Istituto di Neuroscienze del CNR e dell’Università  LUMSA e del dottor Alberto Bacci dell’European Brain Research Institute, hanno dimostrato con il loro studio che un fattore di fondamentale importanza per la neurogenesi è rappresentato dalla velocità  con cui i progenitori (le cellule staminali che daranno luogo ai neuroni) si differenziano nell’ippocampo. Da questa velocità  dipenderà  infatti il buon esito di tutto il processo.

Publicato: 8/10/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

infinitamente scienza

Infinitamente… scienza!

Conoscere la scienza significa leggerla, ascoltarla, vederla e soprattutto viverla. Tutto questo sarà  possibile durante il festival della scienza “Infinitamente” che si terrà , per la sua seconda edizione, a Verona da giovedì 28 a domenica 31 gennaio 2010. Il nome della manifestazione allude non solo alle infinite possibilità  della mente umana e della ricerca, ma… Continua a leggere Infinitamente… scienza!

28/1/2010Bio Blog

Scoperti nuovi geni responsabili dell’Alzheimer

Scoperti due nuovi geni che hanno un ruolo di particolare importanza nella genesi della malattia di Alzheimer. La ricerca, frutto di una collaborazione europea sulla malattia di Alzheimer, ha dimostrato che particolari varianti dei geni CLU (o APOJ) e CR1 sono associate in modo significativo alla malattia. Lo studio e’ presentato sull’ultimo numero della prestigiosa… Continua a leggere Scoperti nuovi geni responsabili dell’Alzheimer

14/9/2009Bio Blog

Bio-gel rigenera il tessuto cerebrale

Sviluppato un gel innovativo che potrebbe stimolare il tessuto cerebrale a rigenerarsi una volta iniettato nell’area del cervello lesionata. A mettere a punto il nuovo materiale e’ stato un gruppo di bioingegneri della Clemson University, secondo quanto riportato da un articolo pubblicato sul sito di Science Daily. Dagli studi condotti, il gel composto da biomateriali… Continua a leggere Bio-gel rigenera il tessuto cerebrale

6/9/2009Bio Blog

Mallattia di Huntington: il ruolo delle proteine

La malattia di Huntington è una malattia rara degenerativa del sistema extrapiramidale che rientra nel gruppo delle sindromi ipercinetiche. La malattia è stata descritta nel 1872 da George Huntington. Tale patologia si presenta con caratteristiche quali ereditarietà , disturbi del movimento, fra cui còrea (dal greco, danza), disturbi cognitivi e del comportamento. L’età  d’esordio si colloca… Continua a leggere Mallattia di Huntington: il ruolo delle proteine

14/7/2009Bio Blog