Quantcast
Le promesse del Golden Rice | BioBlog

Le promesse del Golden Rice

Categoria: Archivio Dossier
Tag: #alimenti #Golden Rice #Gr1 #Gr2 #ogm
Condividi:

Potrykus, biologo tedesco ormai prossimo alla pensione e Beyer, biologo e biochimico, nel 1999 sono riusciti a creare il Golden Rice. Il Golden Rice, chiamato così per il suo colore tendente all’oro, è un riso geneticamente modificato, che potrebbe salvare la vita a migliaia di persone nel terzo mondo. Quindici anni di sperimentazione per tentare di sanare un problema che affligge i paesi poveri, la carenza di vitamina A porta, infatti, al danneggiamento della cornea e della retina che provoca ogi anno in media 370000 bambini ciechi ogni anno, la metà  di questi muore. Il problema è dovuto all’impossibilità  d’accedere alle ai consumi di alimenti proteici, l’unica soluzione è appunto dare loro dei semi di riso transgenici per la coltivazione. Naturalmente il riso produce vitamina A, ma solo nelle foglie verdi non destinate all’alimentazione, l’idea è stata quella di manipolare il DNA per poter inserire nel chicco di riso l’elemento desiderato. In ambienti esplicitamente anti OGM quali Germania e Svizzera, portare avanti un esperimento del genere non era cosa facile, ci vollero misure di sicurezza enormi e il tutto scatenò non pochi dilemmi. Per la prima volta il vantaggio degli OGM non sarebbe ricaduto sull’industria e sul guadagno, ma solo ed esclusivamente sulla vita delle persone. Nonostante tutto Greenpeace sferò una dura campagna contro il nuovo riso. I motivi del dissenso erano essenzialmente due: il Golden Rice sarebbe stato un nuovo modo per aprire la strada alla produzione e alla vendita degli altri OGM e non avrebbe potuto risolvere, ma solo alleviare i problemi, sarebbero stati necessari infatti chili e chili di riso per soddisfare l’apporto vitaminico giornaliero.

La Golden Rice Humanitarian Board sta conducendo numerose battaglie per commercializzare il riso e poterlo distribuire gratuitamente agli agricoltori con redditti inferiori ai 10000 dollari l’anno che vivono nei paesi in via di sviluppo. La sperimentazione va avanti, i consensi sono pochi, oggi si è arrivati a creare Il Gr2, un riso particolare contenente betacarotene in misura 23 volte maggiore del precedente riso, il tutto è stato fatto sostituendo il gene della giunchiglia con un gene della pianta di mais. 72 grammi di riso al giorno per salvare una vita. Eppure l’Oms non è ancora convinta, sarebbe più conveniente distribuire integratori e insegnare coltivare ortaggi contenenti vitamina A.

La sperimentazione oggi è effettuata in sette paesi asiatici il problema è che qui il Golden Rice non trova terreni favorevoli, perciò si è giunti a far incrociare il Gr1 e Gr2 con la varietà  Indica Ir64 adatta a crescere in questi luoghi. La lotta è aperta, di volta in volta vengono opposte nuove regole e nuovi canoni da seguire con l’ovvia conseguenza di numerosi rallentamenti, staremo a vedere. [foto wikipedia]

Publicato: 17/1/2009Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

bitter melon

Un frutto per combattere il cancro al seno

L’estratto di bitter melon (Momordica charantia), un vegetale molto diffuso in India e Cina sembrerebbe in grado di favorire la morte delle cellule di cancro della mammella e di prevenirne la proliferazione. Lo ha scoperto un gruppo di ricercatori americani capitanati Ratna Ray, professore presso il dipartimento di Patologia dell’Università  di Saint Louis.

6/4/2010Bio Blog
Souvenaid

Souvenaid, una nuova bevanda contro l’Alzheimer

Si chiama Souvenaid la nuova bevanda sperimentale messa a punto dalla Rush University Medical Center di Chicago. Souvenaid potrebbe essere in grado di limitare le carenze mnemoniche dei pazienti ai primi stadi della malattia o con una moderata di Alzheimer. Saranno 500 i pazienti sottoposti a questa nuova sperimentazione, queste persone verranno distribuite in 40… Continua a leggere Souvenaid, una nuova bevanda contro l’Alzheimer

5/3/2010Bio Blog

Ridurre il colesterolo con latte fermentato

I latti fermentati addizionati di fitosteroli sono in grado di abbattere di circa il 10% il livello di colesterolo cattivo in soggetti con moderata ipercolesterolemia. Lo dimostra la prima metanalisi compiuta su circa 400 persone che ha analizzato i risultati di 3 lavori già  pubblicati in letteratura sull’effetto di un latte fermentato con aggiunta di… Continua a leggere Ridurre il colesterolo con latte fermentato

19/6/2009Bio Blog

Malattie cardiovascolari e alimentazione

Una dieta ricca di grassi, che apporta più del 30% del valore energetico totale, può provacare malattie cardiovascolari. Nel nostro sangue circolano le lipoproteine, costituite da numerose molecole di colesterolo e di altri grassi, per meglio dire lipidi. Questi lipoproteine possono essere a bassa densità  LDL o ad alta densità  HDL, queste sigle vi faranno tornare… Continua a leggere Malattie cardiovascolari e alimentazione

19/12/2008Bio Blog