Quantcast
Lavarsi i denti per salvare il cuore | BioBlog

Lavarsi i denti per salvare il cuore

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche
Tag: #cuore #denti #gengiva #legamento alveolo-dentale e cemento radicolare #osso alveolare #parodontopatia #parodontopatia e malattie cardiovascolari #patologie dentarie
Condividi:

Studi scientifici hanno dimostrato che lavandosi i denti si riducono i rischi di contrarre malattie cardiovascolari.
L’ipotesi è che alcuni batteri che infettano la bocca possano creare dei tappi, definiti placche arterosclerotiche, dai potenziali altamente letali.

Le placche arteriosclerotiche sono degli accumuli di grassi o di tessuti connettivi che limitano la normale elasticità  dei vasi sanguigni. La conseguenza è ovvia, infarto o ictus, processi di trombosi.

L’ipotesi è stata poi avvalorata e dimostrata grazie all’ausilio di numerosi volontari che sottoponendosi a diversi esami prima e dopo la pulizia dentale, hanno fatto scoprire agli scienziati che una corretta igiene dentale ripristina i valori di fibrinogeno e di vitamina C reattiva nell’organismo. Questi valori erano stati alterati da alcune patologie gengivali o più generalmente connesse ad infiammazioni della bocca, in tutte le sue parti.

Curare i denti, oltre che essere una buona abitudine che fa avere denti brillanti e un sorriso meraviglioso, è un buon metodo per evitare patologie cardiovascolari.

Particolarmente importante è anche un corretto stile di vita, attività  fisica, niente fumo, diete povere di grassi.

Ora non vorrei avervi messo sulle spine, un’afta o un ascesso curati e sporadici non sono condanne a morte, gli esempi riportati sono fondamentalmente dovuti a infezioni continue, o ad infiammazioni prolungate e mal curate, in particolare parliamo di parodontopatia, una patologia che colpisce tutti gli apparati di supporto del dente: osso, gengiva, legamento alveolo-dentale e cemento radicolare.

Fonte la Stampa.it

Publicato: 22/12/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

infarto cuore

Molecola rigenera il cuore

Sintetizzata una nuova molecola (HBR) capace di rigenerare il cuore immediatamente dopo l’infarto e aumentare l’efficacia del successivo trapianto di cellule staminali. La rivoluzionaria molecola è in grado di ridurre subito la mortalità  cellulare cardiaca prodotta dall’infarto e indurre la formazione di nuovi vasi coronarici insieme al reclutamento di cellule staminali endogene. Inoltre, è in… Continua a leggere Molecola rigenera il cuore

8/2/2010Bio Blog

Cryo Balloon, la nuova terapia per la fibrillazione atriale

Si chiama Cryo Balloon il nuovo palloncino in grado di curare la fibrillazione atriale, un’aritmia cardiaca che colpisce lo 0,4% della popolazione mondiale. I pazienti affetti da fibrillazione atriale presentano un funzionamento non corretto dei due atri che tendono ad inviare un numero maggiore di impulsi elettrici con conseguente aumento del numero dei bpm (battiti… Continua a leggere Cryo Balloon, la nuova terapia per la fibrillazione atriale

7/1/2010Bio Blog

Cuore: questione di insonnia

L’insonnia è un disturbo del sonno caratterizzato dall’impossibilità  di addormentarsi o di dormire per un tempo ragionevole durante la notte. Coloro che soffrono di insonnia di solito lamentano di non essere in grado di dormire che per pochi minuti alla volta o di agitarsi nel letto durante la notte. Il risultato di uno studio dell’Università … Continua a leggere Cuore: questione di insonnia

16/9/2009Bio Blog

Staminali non solo ematiche

Una rivoluzionaria ricerca dell’Imperial College di Londra, pubblicata su Stem Cell, mostra che è possibile aumentare la capacità  dell’organismo di autoripararsi. Da poco si era scoperto che il midollo osseo immette in circolo cellule staminali non solo del sangue, ma anche di altri organi come ossa e cartilagini, arterie e cuore. Molti ricercatori hanno provato… Continua a leggere Staminali non solo ematiche

7/9/2009Bio Blog