Quantcast
L'attività  fisica non danneggia il DNA | BioBlog

L’attività  fisica non danneggia il DNA

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche Genetica (DNA)
Tag: #dna #genetica #Genetica (DNA) #genoma #ossigenazione #sport
Condividi:

Inesorabilmente, l’organismo umano invecchia ad ogni boccata di ossigeno. L’ossigeno, che ci permette di vivere porta alla formazione dei radicali liberi che danneggiano l’organismo a causa della loro elevata reattività . Fino ad ora non si avevano molti risultati sull’effetto degli sport di resistenza su questi processi e sui possibili danni al DNA. Da un recente studio sembrerebbe che, anche sul lungo periodo, il DNA non subisca effetti degenerativi. La ricerca, condotta su 42 atleti uomini, ha misurato i parametri in un periodo compreso tra i 2 giorni antecedenti ad una competizione di triatlon ed i 19 successivi. A capo di questo studio vi era il professore Karl-Heinz Wagner del dipartimento di scienze della nutrizione dell’università  di Vienna che ha così commentato i risultati: ”Reazioni causate dalla presenza di ossigeno possono potenzialmente causare danni al DNA. Siamo stati capaci di ottenere chiare prove che dimostrano un aumento dello stress ossidativo a breve termine, ma nel contempo, siamo certi che nonostante vi sia questa situazione non vi è  stato alcun danno persistente del materiale genetico dell’atleta.” Così il team del professor Wagner, finanziato dal fondo Austriaco per le scienze, ha confermato che un individuo ben allenato è capace di rispondere positivamente allo stress ossidativo intensificando l’attivazione di meccanismi di riparazione del DNA e combattendo le molecole ossigenate. [immagine Spanish Flea]

Publicato: 23/8/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Cellule artificiali: la nuova frontiera della terapia

Sulla nota rivista Science è stata pubblicata una ricerca destinata a rivoluzionare il futuro della medicina: la nascita della vita artificiale cioè le cellule artificiali. L’artefice di ciò è stato Craig Verter, scienziato di fama, protagonista nel 2000 del Progetto Genoma Umano, pioniere degli esperimenti di lungo corso ma anche personaggio criticato dalle commissioni etiche… Continua a leggere Cellule artificiali: la nuova frontiera della terapia

2/10/2010Bio Blog

La dieta del DNA

C’è stato il tempo della frutta, della verdura, della pasta, ora è il momento della dieta del DNA. L’iniziativa è di Planet srl, che gestisce Vitalybra, un piano alimentare personalizzato ideato dal medico nutrizionista Primo Vercilli. Per provarla la nuova dieta basta sottoporsi ad un test genetico in una delle principali farmacie italiane che hanno… Continua a leggere La dieta del DNA

21/10/2009Bio Blog

La variabile espressione dei geni

Dal decodificare il genoma umano ad arrivare ad una sua piena comprensione la strada è ancora molto lunga. Oggi si comincia a capire che non è solo importante l’informazione contenuta ma soprattutto la sua regolazione. Dalla regolazione, infatti, nascono le differenze tra gli individui ma anche le malattie o le predisposizioni alle malattie. Dalla collaborazione… Continua a leggere La variabile espressione dei geni

20/8/2009Bio Blog

JAK2

Le mutazioni genetiche sono state sempre ritenute, principalmente, come il frutto di un’interferenza di fattori esterni, per esempio le radiazioni, o fattori che dipendono dalla ricombinazione del DNA (per capire il meccanismo rinviamo a questo articolo). Un gruppo di ricercatori, Nicola Croce, Robert Kralovics e Ross Levine ha recentemente pubblicato sul Nature Genetics uno studio… Continua a leggere JAK2

25/4/2009Bio Blog