Quantcast
Laser per l'Alzheimer | BioBlog

Laser per l’Alzheimer

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche Dossier Patologie
Tag: #alzheimer #amiloide #cura dell'Alzheimer #laser #microscopio
Condividi:

Un gruppo di scienziati giapponesi nell’intento di studiare la formazione delle placche andando a indagare la singola fibra amiloide (processo che porta all’Alzheimer), hanno scoperto invece – ciò che viene normalmente definito dalla comunità  scientifica come “serendipity[1]”- una possibile cura per la malattia degenerativa. Il dottor Yuji Goto e i suoi colleghi dell’Università  di Osaka avevano messo a punto un sistema per studiare la formazione di amiloide così fatto: un microscopio a fluorescenza combinato con un marcatore fluorescente specifico della proteina amiloide, la tioflavina T (thioflavin T ThT). Irradiando la superficie di interesse con una luce laser da 442 nm per eccitare la tioflavina si sono accorti che la beta 2 microglobulina (β2-m), la principale componente delle fibre amiloide, si inibiva. Analizzando più dettagliatamente le fibre, il team si è accorto che il laser non solo inibisce la formazione di nuove fibre amiloidi, ma distrugge quelle già  presenti degradando le proteine. I ricercatori hanno pubblicato quanto osservato sul Journal of Biological Chemistry e nell’articolo ipotizzano che la tioflavina attivata dalla luce laser possa trasferire parte della sua energia all’ossigeno dei tessuti per formare un composto dell’ossigeno capace di degradare le fibre proteiche. Ovviamente sono necessarie altri esperimenti per verificare se la scoperta potrà  essere in futuro trasferita anche sull’uomo. [1]Serendipity è lo scoprire una cosa non cercata e imprevista mentre se ne sta cercando un’altra. Ma il termine non indica solo fortuna: per cogliere l’indizio che porterà  alla scoperta occorre essere aperti alla ricerca e attenti a riconoscere il valore di esperienze che non corrispondono alle originarie aspettative. Un altro esempio emblematico è rappresentato dalla scoperta dei neuroni specchio: mangiando casualmente una nocciolina davanti a un macaco, un ricercatore vide che i neuroni motori del macaco “sparavano” impulsi elettrici, anche se l’animale non stava compiendo nessun gesto. [via medgadget | maggiori informazioni | immagini dal video]

Publicato: 9/1/2009Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Souvenaid

Souvenaid, una nuova bevanda contro l’Alzheimer

Si chiama Souvenaid la nuova bevanda sperimentale messa a punto dalla Rush University Medical Center di Chicago. Souvenaid potrebbe essere in grado di limitare le carenze mnemoniche dei pazienti ai primi stadi della malattia o con una moderata di Alzheimer. Saranno 500 i pazienti sottoposti a questa nuova sperimentazione, queste persone verranno distribuite in 40… Continua a leggere Souvenaid, una nuova bevanda contro l’Alzheimer

5/3/2010Bio Blog
telefono cellulare

La rivincita del cellulare

Da tempo si parla degli effetti nocivi delle radiazioni legate all’uso del cellulare, ma finalmente per tutti gli amanti delle lunghe chiacchierate arriva una buona notizia. Secondo uno studio condotto alla University of South Florida e pubblicato sul Journal of Alzheiner’s Disease, l’esposizione prolungata alle onde elettromagnetiche del cellulare potenzierebbe la memoria e proteggerebbe dal… Continua a leggere La rivincita del cellulare

11/1/2010Bio Blog

Scoperti nuovi geni responsabili dell’Alzheimer

Scoperti due nuovi geni che hanno un ruolo di particolare importanza nella genesi della malattia di Alzheimer. La ricerca, frutto di una collaborazione europea sulla malattia di Alzheimer, ha dimostrato che particolari varianti dei geni CLU (o APOJ) e CR1 sono associate in modo significativo alla malattia. Lo studio e’ presentato sull’ultimo numero della prestigiosa… Continua a leggere Scoperti nuovi geni responsabili dell’Alzheimer

14/9/2009Bio Blog

Vasocostrizione cerebrale nel morbo di Alzheimer

I ricercatori dell’Università  di Bristol hanno scoperto che l’enzima convertente l’endotelina 2 (ECE-2) è in grado di causare la riduzione del flusso sanguigno cerebrale che si verifica nei malati di Alzheimer, e dunque di favorire la progressione della patologia. La malattia di Alzheimer è la più diffusa causa di demenza al mondo ed è caratterizzata… Continua a leggere Vasocostrizione cerebrale nel morbo di Alzheimer

30/7/2009Bio Blog