Quantcast
Insorb, la cucitrice cutanea | BioBlog

Insorb, la cucitrice cutanea

Categoria: Apparecchiature Archivio Biotecnologie Mediche Chirurgia estetica Operazioni chirurgiche
Tag: #Apparecchiature #Estetica #operazioni #Operazioni chirurgiche #strumentazione operatoria #sutura
Condividi:

La FDA ha approvato un dispositivo, chiamato INSORB, per suturare le ferite cutanee. La cucitrice cutanea, se così si può chiamare, è stata realizzata dalla Columbia University Medical Center, New York, ed è stata utilizzata per circa un anno. L’uso di questa cucitrice ha fornito dati significativi che dimostrano che il dispositivo funziona bene e garantisce un buon risultato dal punto di vista estetico. Inoltre, si è visto che è in grado di far risparmiare tempo e costi in sala operatoria, aumentando la sicurezza per i pazienti. insorb punti metallici sutura [A sinistra un ferita suturata con Insorb, a destra una ferita suturata con punti metallici standard] Il Dr. Ascherman, capo di chirurgia plastica presso la Columbia Università , ha spiegato che l’apparecchio consente di chiudere la ferita cucendo gli strati più profondi del derma in modo da non lasciare antiestetiche tensioni superficiali. In uno studio randomizzato su 18 pazienti con taglio addominale non si è dimostrata alcuna differenza: la cicatrice presentava lo stesso grado di vascolarizzazione, pigmentazione e altezza. La cucitrice cutanea chiude le ferite più velocemente facendo risparmiare circa 33,6 secondi per centimetro e 21.7 minuti per una sutura addominale. Potrebbe sembrare poca cosa, ma in realtà  in un intervento di addominoplastica la sala operatoria ha un costo stimato di 2.000 dollari per ora e quindi -a conti fatti- sono 658 dollari risparmiati a paziente. [via medgadget | maggiori informazioni]

Publicato: 20/10/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

GE Healthcare lancia Vscan

GE Healthcare, la divisione medicale di General Electric, ha presentato in anteprima assoluta per l’Italia VscanTM, ecografo piccolo come uno smart phone. VscanTM utilizza una tecnologia di ultimissima generazione che permette ai medici di visualizzare in maniera non invasiva e immediata quello che accade all’interno del corpo umano. Realmente tascabile, VscanTM può essere trasportato facilmente… Continua a leggere GE Healthcare lancia Vscan

23/3/2010Bio Blog

Laringe artificiale per tornare a parlare

Grazie a un touch sensors la CompleteSpeech (Orem, Utah) ha realizzato un dispositivo, soprannominato Palatometer (in italiano potrebbe essere chiamato “Palatometro“) in grado di “percepire” il contatto della lingua sul palato durante la parlata. Il dispositivo è stato progettato espressamente per le persone mute o con difficoltà  nel parlare per ridarle nuova voce. Solo negli… Continua a leggere Laringe artificiale per tornare a parlare

5/12/2009Bio Blog

Clinica del sonno a casa tua

Le persone che soffrono di disturbi del sonno sono molte, tanti non sanno minimamente di soffrirne. La sapienza comune riconosce solo l’insonnia o l’ipersonnia come disturbo legato al sonno, mentre pochi sanno che il sonno se qualitativamente scarso produce gravi ripercussioni metaboliche e dinamiche sul nostro corpo. Il sonno è composto da 4 fasi NREM… Continua a leggere Clinica del sonno a casa tua

15/6/2009Bio Blog

Pubblicare su Twitter col pensiero

Twitter è un servizio molto seguito – soprattutto negli States – di microblogging che permette agli utenti di mandare aggiornamenti al proprio status con messaggi di testo, lunghi non più di 140 caratteri, dal il sito stesso oppure via SMS, e-mail, ma anche tramite varie applicazioni basate sulle API di Twitter, come quella realizzata da… Continua a leggere Pubblicare su Twitter col pensiero

27/4/2009Bio Blog