Quantcast
Influenza A, Roma capitale del contagio italiano | BioBlog

Influenza A, Roma capitale del contagio italiano

Categoria: Archivio Dossier Virus
Tag: #influenza #influenza A roma #influenza suina #Virus
Condividi:

Roma, capitale di Italia, si è aggiudicata con i suoi 136 casi di influenza A, il primato italiano di contagi. La colpa potrebbe essere attribuita al turismo, un crogiolo di persone che vanno e vengono all’estero e dall’estero e che fanno tappa per un motivo o per un altro a Roma. I medici sembrano essere abbastanza tranquilli, in Italia, infatti sarebbe arrivato un virus meno potente e le terapie sono abbastanza soddisfacenti, la gran parte dei pazienti riesce a guarire stando in isolamento a casa propria seguendo una terapia farmacolagica a base di antivirali. Sono davvero pochi i casi che presentano complicanze e per questi è previsto un ricovero ospedaliero, la polmonite, una delle più comuni conseguenze dell’influenza, ha colpito a Roma una decina di persone, tenute sotto osservazione in ospedale e in via di guarigione. Che dire?In Italia, dove per ora non c’è stata nessuna morte per influenza A, la situazione è sotto controllo, tuttavia è previsto per questo inverno un picco di contagi, contagi che potrebbero avvenire stando a contatto con persone malate, un contagio nazionale tra persone che frequentano gli stessi locali, gli stessi uffici e via discorrendo, così come è accaduto a qualche cittadino romano. L’unica via resta il vaccino, non ancora pronto e che presto invaderà  i banchi delle farmacie. Per ora l’unica cosa da fare è recarsi in ospedale qualora ve ne fosse necessità  effettiva, l’influenza è diagnosticabile tramite analisi e in attesa del responso è obbligatorio un isolamento forzato, potrebbe evitare il contagio anche una buona igiene, il lavarsi le mani spesso e magari evitare di andare all’estero. [Foto Eneas De Troya | Wikipedia]

Publicato: 29/7/2009Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Più basso il livello di istruzione, più alta la sensibilità  all’influenza

Le persone che non hanno un diploma di scuola superiore, rispetto a quelle con un livello di istruzione più elevato, potrebbero essere colpite più facilmente dal virus H1N1 e per loro il vaccino potrebbe essere meno efficace. Lo dimostra un recente  studio dal titolo “differenze socioeconomiche nella risposta immunitaria “. Il lavoro, effettuato da ricercatori… Continua a leggere Più basso il livello di istruzione, più alta la sensibilità  all’influenza

12/11/2009Bio Blog

Mani pulite negli uffici del comune di Milano

A Milano, i principali luoghi pubblici diventano punti in cui pulirsi le mani “a secco”. E prevenire il diffondersi della nuova influenza. Sessanta dispenser con liquido disinfettante saranno a disposizione di tutti entro la metà  di ottobre negli uffici e sedi del Comune di Milano. L’iniziativa, chiamata “Mani pulite”, è dell’assessore alla Salute, Giampaolo Landi… Continua a leggere Mani pulite negli uffici del comune di Milano

12/10/2009Bio Blog

Vaccino antinfluenzale pronto a fine ottobre

Il vaccino contro l’influenza A/H1N1 potrebbe essere disponibile anche prima del 15 novembre, data prevista per l’inizio delle prime immunizzazioni con l’influenza pandemica. Lo ha detto il viceministro alla Salute, Ferruccio Fazio, ieri, intervenendo ad un convegno in tema, alla festa nazionale del Pdl, a Milano: «Le prime dosi per i servizi essenziali ci saranno… Continua a leggere Vaccino antinfluenzale pronto a fine ottobre

8/10/2009Bio Blog

iPhone: virus- detective

È solo la migliore del momento e si chiama “Outbreaks near me”. E’ la nuova applicazione dell’iPhone, utile per visualizzare con una mappa l’evoluzione dell’influenza H1N1; nel caso si dovesse entrare in una zona a rischio, il telefonino rilascerà  anche un avviso utile per salvaguardare la salute dell’utente. L’applicazione è stata sviluppata da alcuni ricercatori… Continua a leggere iPhone: virus- detective

4/9/2009Bio Blog