Quantcast
I segreti hard dei neuroni specchio | BioBlog

I segreti hard dei neuroni specchio

Categoria: Archivio BioBlog news Disturbi psichici Psicologia Sessuologia
Tag: #aree cerebrali #cervello #diagnostica a immagini #neuroni specchio #risonanza magnetica funzionale
Condividi:

Di neuroni specchio se ne parla ormai in qualsiasi dibattito. Sono diventiti argomento anche nei bar. Mi è capitato spesso di chiaccherarne in mensa con i colleghi e all’aperitivo con gli amici. Ovviamente descrivendone la chiave più romantica. Avevamo già  presentato in un articolo precedente, quello che sono i neuroni specchio. Ieri è uscita una notizia riguardo il linkage tra le zone cerebrali attivate durante l’esposizione a film hard e i neuroni specchio. Infatti sembra proprio che Almeno per i maschietti l’eccitazione durante la visione di scene di film hard è sottesa dai neuroni specchio, che, come già  avevamo detto, sono cellule nervose che si attivano in modo specifico quando si compiono delle azioni o quando si è spettatori del compimento di un azione. La notizia è stata documentata e pubblicata sulla rivista NeuroImage a cura di ricercatori francesi. Gli scienziati francesi hanno sottoposto otto uomini ad immagini diverse, misurandone gli effetti sull’attività  cerebrale, facendo vedere loro tre tipi di filmati: un documentario sulla pesca, uno sketch del personaggio comico Mr. Bean e alcune scene di pornografia. Durante la visione venivano registrate alcune proiezioni con una risonanza magnetica funzionale in grado di registrare la loro attività  cerebrale. E, nel frattempo, con uno strumento, il pletismografo penile, veniva misurata la tumescenza del loro pene. Ne è risultato che l’erezione arrivava, ovviamente, con la visione delle scene hard, mentre nello stesso istante si accendevano le aree del cervello della corteccia motoria dell’area genitale. Lo studio è continuato poi nella fase di mesh-up dei dati, confrontando le informazione della risonanza magnetica con quelle del pletismografo. Si è osservata una correlazione tra meccanismo cerebrale ed erezione. Il volume dell’organo sessuale maschile è risultato proporzionale alla potenza dell’attivazione dell’area di Broca dove appare l’attività¡ dei neuroni specchio. Gli scienziati hanno inoltre scoperto che l’attivazione dei neuroni, e dunque di quell’area specifica cerebrale, precede l’eccitazione e l’erezione automatica. Più o meno come se quelle cellule cerebrali rappresentassero una sorta di telecomando del processo di erezione. Oltre all’autismo e ad altri problemi neuropsichiatrici, da oggi si potrà  studiare l’impotenza sia erettile che funzionale, a partire dai neuroni specchio. Si potrà  magari giungere alla neodefinizione di “autismo sessuale”. [img Channel4]

Publicato: 18/6/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Cervello maschile e cervello femminile, una risposta viene dall’arte

Il professor Francisco Ayala, come mostra un servizio della BBC, ha effettuato uno studio su 20 persone, 10 uomini e 10 donne mostrando loro alcune foto e alcuni dipinti. L’attenzione dei primi cadeva sull’opera d’arte nel suo insieme, mentre le seconde tendevano a concentrarsi sui minimi particolari. La ragione di questi approcci diversi è da… Continua a leggere Cervello maschile e cervello femminile, una risposta viene dall’arte

26/2/2009Bio Blog

Codice neurale nelle applicazioni future

Nell’ambito delle reti neurali, la natura del codice neurale è un tema su cui fervono i dibattiti. La teoria più vecchia è quella del codice di frequenza, vale a dire il il numero medio di impulsi prodotti da un neurone in un intervallo, poniamo di 100 millesimi di secondo. Più di recente i neuroscienziati si… Continua a leggere Codice neurale nelle applicazioni future

4/2/2009Bio Blog

Il controllo del comportamento

Alla luce delle recenti conoscenze sui rapporti tra aree cerebrali e funzioni mentali è stato ipotizzato che nel cervello esistano 4 diversi sistemi di controllo: Il “sistema pavloviano” agirebbe a livello inconscio, dipenderebbe da strutture quali i gangli della base e il midollo allungato e controllerebbe una serie di funzioni ripetitive e abbastanza rigide. Il… Continua a leggere Il controllo del comportamento

26/1/2009Bio Blog

Epilessia: la nuova probabile cura

C’è un “legame pericoloso” tra le cellule di difesa del corpo, i globuli bianchi, e i vasi sanguigni del cervello. Un legame che è stato scoperto da ricercatori e che potrebbe essere alla base dell’epilessia: studi su topolini hanno infatti evidenziato che bloccando con anticorpi specifici questa interazione, si possono prevenire le crisi epilettiche. La… Continua a leggere Epilessia: la nuova probabile cura

27/11/2008Bio Blog