Quantcast
Dove nasce il cuore? | BioBlog

Dove nasce il cuore?

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche Patologie Staminali
Tag: #Cardiologia #cellule staminali #cuore #malattie cardiovascolari congenite
Condividi:

Un gruppo di ricercatori dell’Harvard Stem Cell Institute di Cambridge (Massachusetts) ha individuato la cellula da cui, nel feto, si originano tutti gli elementi che andranno a costituire il cuore. La scoperta è valsa al team di Kenneth Chien, direttore del Programma per le Malattie Cardiovascolari dello stesso istituto e del Centro di Ricerche Cardiovascolari del Massachusetts General Hospital, la copertina della prestigiosa rivista Nature. La produzione delle diverse tipologie di cellule che andranno a costituire il cuore è un passaggio molto critico nello sviluppo di quest’organo, tanto che, se non avviene in modo corretto, può causare differenti malattie congenite. Studi precedenti condotti dallo stesso Chien e da altri gruppi di ricerca avevano identificato la cellula progenitrice degli elementi cardiaci nel topo; tuttavia, la genesi del cuore umano è risultata molto più complessa e solo oggi è stato possibile identificare nel feto un gruppo di cellule da cui si originano i tre elementi necessari alla formazione di quest’organo: i cardiomiociti, le cellule muscolari lisce e le cellule endoteliali. I ricercatori hanno purificato questi progenitori ILS1+ e hanno dimostrato la loro capacità  di replicare ed espandersi di numero prima di differenziarsi nei tre tipi cellulari; queste caratteristiche sono fondamentali per poter affermare che una cellula ha potenzialità  staminali e che, quindi, può essere l’elemento originale da cui si formano le altre cellule. La scoperta è particolarmente importante perché apre nuovi scenari nel trattamento delle patologie cardiache: dal controllo della crescita e del differenziamento di queste cellule per diminuire la gravità  di alcune forme patologiche, all’impianto di cellule progenitrici nel cuore di individui adulti che necessiterebbero, altrimenti, di un trapianto. Secondo Chien “la ricerca fornisce un nuovo modo per comprendere le malattie al cuore nei bambini e negli adulti. Le patologie cardiache congenite sono i difetti alla nascita più diffusi nei bambini di tutto il mondo e questi studi indicano che le malattie cardiache congenite potrebbero derivare da difetti nella cellula staminale”. Fonte: Lei Bu et al., Human ISL1 heart progenitors generate diverse multipotent cardiovascular cell lineages. Nature 460, 113-117 (2 July 2009) [foto stemcelldirectory]

Publicato: 6/7/2009Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Esercizi per modificare la struttura e la funzionalità  cardiaca

La maggior parte di ciò che sappiamo sui cambiamenti cardiaci negli atleti e nelle persone fisicamente attive deriva da “istantanee” prese in uno specifico arco di tempo. “Quello che è stato fatto in questa prima fase di studio è stato quello di seguire gli atleti in diversi mesi per determinare in che modo il processo… Continua a leggere Esercizi per modificare la struttura e la funzionalità  cardiaca

9/5/2008Bio Blog

HeartMate: dispositivo per l’assistenza cardiaca

HeartMate II, dispositivo per l’assistenza cardiaca, è stato da poco approvato dalla FDA per essere impiantato per via chirurgica in modo da aiutare il cuore a pompare il sangue in tutto il corpo. I precedenti modelli di dispositivi per l’assistenza ventricolare erano molto ingombranti per essere inseriti nell’addome superiore, mentre Thoratec HeartMate II Left Ventricular… Continua a leggere HeartMate: dispositivo per l’assistenza cardiaca

22/4/2008Bio Blog

Loxin test per la prevenzione degli infarti

Technogenetics, azienda del gruppo farmaceutico Bouty, ha messo in commercio un nuovo test genetico, chiamato Loxin Test, per individuare soggetti a rischio di malattie cardiovascolari. Loxin test è il risultato di una stretta collaborazione tra la Technogenetics e la Società  R.E.D.D., spin-off dell’Università  di Roma Tor Vergata, la quale ha promosso un’innovativa ricerca coordinata dal… Continua a leggere Loxin test per la prevenzione degli infarti

10/4/2008Bio Blog

MyECG: piccolo, versatile e portatile

MyECG E3-80 è il primo dispostivo professionale portatile con 24-ore di registrazione Elettrocardiografica (ECG, unito ad un sistema chiamato “Recorder Analyzer” sfruttato per l’analisi del tracciato. Interamente progettato e sviluppato in Taiwan da MSI, in collaborazione con i medici e gli infermieri della celebre struttura medica taiwanese, MSI è stata in grado di progettare uno… Continua a leggere MyECG: piccolo, versatile e portatile

27/3/2008Bio Blog