Quantcast
Crio-oncologia | BioBlog

Crio-oncologia

Categoria: Apparecchiature Archivio Biotecnologie Mediche Cancro Operazioni chirurgiche
Tag: #aghi #Cancro #cellule tumorali #polmoni #prostata #temperatura #tumore ai polmoni #tumori
Condividi:

Il freddo per distruggere le masse tumorali è già  da tempo usato per il cancro alla prostata, al rene e osseo. Per la prima volta in Italia la Crioablazione, o Crioterapia, viene applicata anche per contrastare il tumore al polmone. I primi interventi sono stati eseguiti in Sardegna da un’équipe guidata dal dottor Claudio Pusceddu, all’Ospedale oncologico Businco di Cagliari, usando un dispositivo costituito da sonde e da diversi aghi attraverso i quali passa del gas Argon in grado di congelare i tessuti a una temperatura di -41 °C. Successivamente attraverso gli stessi aghi viene fatto passare del gas Elio che fa sollevare la temperatura fino a provocare uno shock termico che causa la necrosi delle cellule malate. Il sistema (Galil medical systems) è stato messo a punto da una società  israeliana. Tramite le criosonde possono essere posizionati all’interno dei tessuti da trattare fino a venti crioaghi monitorati grazie a un tomografo computerizzato. L’intervento richiede circa un’ora, è però necessaria una estrema precisione soprattutto quando si interviene in particolari zone come il mediastino tra i due polmoni. Possono essere trattate masse tumorali fino a dieci centimetri nella stessa seduta. Ad oggi i pazienti malati di cancro al polmone curati a Cagliari con la crioablazione sono tre, le loro condizioni sono buone tanto che sono stati dimessi dopo una breve degenza. I risultati ottenuti fanno dunque sperare in una più ampia applicazione di questa metodica. L’intervento è indicato per i pazienti non operabili chirurgicamente o per coloro che non rispondono a chemio o radioterapia. L’utilizzo di questa tecnica per il cancro polmonare è recente e non è ancora possibile stabilire se nel tempo potrà  in parte sostituire gli interventi chirurgici classici.

Publicato: 12/11/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Laser Agopuntura

Può l’agopuntura essere effettuata senza alcun dolore e rischio di infezione e diventare addirittura un trattamento piacevole e rilassante? Ora si può, combinando medicina tradizionale e nuove tecnologie. L’agopuntura classica prevede la stimolazione contemporanea di molti punti utilizzando degli aghi metallici che devono essere inseriti sulla pelle delle persone. Oggi si riesce ad ottenere una… Continua a leggere Laser Agopuntura

16/10/2008Bio Blog

Vaccino sotto la lingua

Per i medici che hanno studiato il problema, sembrerebbe proprio che il miglior posto per la somministrazione dei vaccini sia sotto la lingua. Questa proposta è molto interessante per due motivi principalmente: il primo è sicuramente l’assenza dell’ago che per pazienti agofobici è un problema abbastanza sentito e il secondo è la facilità  e l’immediatezza… Continua a leggere Vaccino sotto la lingua

31/1/2008Bio Blog

Agopuntura

L’Agopuntura consiste nel pungere la pelle con aghi sottili in punti ben precisi chiamati punti d’Agopuntura allo scopo d’influenzare il flusso di energia nei canali. Si può influire sui punti d’Agopuntura non solo pungendoli (Agopuntura), ma anche riscaldandoli (moxi-bustione), massaggiandoli col dito (digitopressione), applicandovi correnti elettriche (elettro-agopuntura) o addirittura laser (laser-agopuntura). In questi modi si… Continua a leggere Agopuntura

27/12/2007Bio Blog

Leva: ago usa e getta di Bang & Olufsen

LEVA, un nuovo prodotto di Medicom, una controllata di Bang & Olufsen, e visibile nell’immagine qui a lato, è un iniettore sottocutaneo usa e getta (un ago). Un numero sempre crescente di pazienti necessita di un’assistenza manuale per ricevere alcune tipologie di medicinali; basti pensare a tutto ciò che deve essere iniettato all’interno del corpo.… Continua a leggere Leva: ago usa e getta di Bang & Olufsen

7/12/2007Bio Blog