Quantcast
Un'alga blu per curare l'Alzheimer | BioBlog

Un’alga blu per curare l’Alzheimer

Categoria: Archivio Genetica (DNA) Patologie
Tag: #alzheimer #cianobatterio #enzima colinesterasi #malattie degenerative #nostocarbilina
Condividi:

Esiste una malattia di cui solo da pochi anni si parla che ha colpito 6 milioni di persone in tutta Europa, il morbo d’Alzheimer. Essendo degenerativa non è possibile guarire. Incredibile ma è stato fatta dai ricercatori del Politecnico di Zurigo una scoperta pubblicata sul Journal of Natural Products che un cianobatterio, che prolifera nei canali di scarico delle acque reflue, potrebbe essere la nuova arma terapeutica contro il morbo di Alzheimer. Questa équipe di studiosi ha infatti estratto da questa “alga blu”, come vengono comunemente chiamati i cianobatteri (la sua formula chimica è Nostoc78-12), una sostanza che si è rivelata promettente. Tanto da brevettarla, con il nome “nostocarbolina“. Questa sostanza dovrebbe neutralizzare l’enzima colinesterasi, tra i responsabili del morbo di Alzheimer. La sua composizione chimica è quasi identica a quella di una molecola del cervello umano fatta eccezione per un unico atomo di cloro, che bisogna verificare sino a che punto potrebbe inibire la buona riuscita dell’operazione. Insomma molta strada va ancora fatta ma è comunque un primo passo.

Publicato: 20/9/2007Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Souvenaid

Souvenaid, una nuova bevanda contro l’Alzheimer

Si chiama Souvenaid la nuova bevanda sperimentale messa a punto dalla Rush University Medical Center di Chicago. Souvenaid potrebbe essere in grado di limitare le carenze mnemoniche dei pazienti ai primi stadi della malattia o con una moderata di Alzheimer. Saranno 500 i pazienti sottoposti a questa nuova sperimentazione, queste persone verranno distribuite in 40… Continua a leggere Souvenaid, una nuova bevanda contro l’Alzheimer

5/3/2010Bio Blog
telefono cellulare

La rivincita del cellulare

Da tempo si parla degli effetti nocivi delle radiazioni legate all’uso del cellulare, ma finalmente per tutti gli amanti delle lunghe chiacchierate arriva una buona notizia. Secondo uno studio condotto alla University of South Florida e pubblicato sul Journal of Alzheiner’s Disease, l’esposizione prolungata alle onde elettromagnetiche del cellulare potenzierebbe la memoria e proteggerebbe dal… Continua a leggere La rivincita del cellulare

11/1/2010Bio Blog

Scoperti nuovi geni responsabili dell’Alzheimer

Scoperti due nuovi geni che hanno un ruolo di particolare importanza nella genesi della malattia di Alzheimer. La ricerca, frutto di una collaborazione europea sulla malattia di Alzheimer, ha dimostrato che particolari varianti dei geni CLU (o APOJ) e CR1 sono associate in modo significativo alla malattia. Lo studio e’ presentato sull’ultimo numero della prestigiosa… Continua a leggere Scoperti nuovi geni responsabili dell’Alzheimer

14/9/2009Bio Blog

Vasocostrizione cerebrale nel morbo di Alzheimer

I ricercatori dell’Università  di Bristol hanno scoperto che l’enzima convertente l’endotelina 2 (ECE-2) è in grado di causare la riduzione del flusso sanguigno cerebrale che si verifica nei malati di Alzheimer, e dunque di favorire la progressione della patologia. La malattia di Alzheimer è la più diffusa causa di demenza al mondo ed è caratterizzata… Continua a leggere Vasocostrizione cerebrale nel morbo di Alzheimer

30/7/2009Bio Blog