Quantcast
Aiuta la ricerca con il tuo computer | BioBlog

Aiuta la ricerca con il tuo computer

Categoria: Archivio Associazioni no profit volontariato Genetica (DNA)
Tag: #bioinformatica #BOINC #community #computer #genomica #informatica #piattaforma informatica #proteomica #reti
Condividi:

Quello che oggi sta diventando un grosso problema per molti ricercatori è l’elaborazione di una mole impressionante di dati ottenuti dall’analisi di genomi e proteomi. Fortunatamente, la mancanza di grandi e costosi calcolatori viene colmata dalla rete con il progetto Berkeley Open Infrastructure for Network Computing (BOINC). Questo programma di calcolo combinatorio, divenuto celebre con il progetto SETI@home, permette a tutti di mettere a disposizione una parte della capacità  di elaborazione del proprio computer al servizio di diversi progetti biomedici. Una volta scaricato il programma dal sito (http://boinc.berkeley.edu/download.php) si sceglie quindi a quale progetto partecipare, come ad esempio rosetta@home, SIMAP, docking@home, POEM@home, Malariacontrol.net e molti altri, dopo ciò si può controllare lo stadio di avanzamento tramite le statistiche di una semplice interfaccia grafica. Alla fine non si vince niente, ma rimane un bel modo che non richiede particolare impegno per dare una mano a questa ricerca. Qui maggiori informazioni e possibilità  di download del programma.

Publicato: 10/8/2009Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Modelli statistici in aiuto dei medici

Il sito web dell’organizzazione per la ricerca olandese ha recentemente pubblicato un interessante estratto della tesi del dottore Stefan Visscher. Secondo quanto emerso dalle sue ricerche, su 238 pazienti trattati con antibiotici solo 157 di loro soffrivano effettivamente di polmonite. La mancanza di un test rapido ed economico porta spesso il medico a prescrivere un… Continua a leggere Modelli statistici in aiuto dei medici

17/10/2008Bio Blog

Gli effetti collaterali possono aiutare

L’aspetto più frustrante nello sviluppo di un farmaco è sicuramente dovuto agli effetti imprevisti su parti del corpo umano differenti da quelle obiettivo. Può quindi succedere che un principio attivo perfettamente funzionante nei test di laboratorio e nei primi screening clinici, risulti poi avere effetti debilitanti o non funzionare affatto quando viene esposto ad una… Continua a leggere Gli effetti collaterali possono aiutare

16/7/2008Bio Blog

Foldit, il gioco che aiuta la bioinformatica

Di continuo si sentono notizie che riguardano videogiochi violenti, ragazzi suggestionati dai giochi elettronici e costretti a rivolgersi a vere e proprie case di cura, ma fortunatamente oggi siamo qui a discutere di una svolta (speriamo) nell’industria del videogame: il videogioco “utile”. Il concetto in sé non è una novità : il termine edutainment (fusione di… Continua a leggere Foldit, il gioco che aiuta la bioinformatica

12/5/2008Bio Blog