Quantcast

Dalle piante, un antidolorifico e un antitrombotico

Categoria: Archive IT Farmaci Foto e illustrazioni Patologie Terapia del dolore
Tag: #aspirina #dolore #Farmaci #ictus #trombosi
Condividi:

In primo luogo, dobbiamo fare una distinzione tra i due principali classi di antidolorifici, che sono utilizzati per le diverse situazioni e la funzione attraverso meccanismi diversi.

La prima classe è quella dei farmaci oppioidi come la morfina e la codeina, usate per il trattamento del dolore. Esse alleviano il dolore in due modi: interferiscono dando il blocco e la trasmissione dei segnali di dolore al cervello,modificando quindi a livello cerebrale la sensazione di dolore. Questi farmaci non eradicano il dolore, ma riducono e modificano la percezione del dolore. L’altra classe è rappresentata dall’aspirina, come il paracetamolo ed ibuprofene. Queste vengono presi ad esempio ogni volta che noi abbiamo mal di testa o un mal di schiena. Nel corso della storia, sono stati usati rimedi botanici per il dolore. Gli antichi Egizi usavano le foglie di mirto, gli europei masticavano la corteccia del salice e nativi americani hanno fatto lo stesso con la corteccia di betulla.

Nel XIX secolo, gli scienziati hanno isolato la sostanza chimica in tutte queste piante che dava loro il potere di alleviare il loro dolore. Essi hanno inoltre scoperto che queste sostanze chimiche producevano il loro effetto come collaterale alla digestione. Uno scienziato della Bayer Pharmaceutical ha sintetizzato l’acido acetilsalicilico (ASA). La Bayer l’ha chiamata Aspirina e commercializzata. Nonostante la sua lunga storia, fino ai primi anni ’70, non si è saputo nulla della sua farmacocinetica.

A differenza degli stupefacenti, l’aspirina effettivamente agisce alla fonte del dolore ed è in grado di arrestarlo. Quando le cellule sono danneggiate, producono grandi quantità  di un enzima chiamato ciclo-ossigenasi-2 (COX-2). Questo enzima, a sua volta, produce sostanze chimiche chiamate prostaglandine, che inviano segnali di dolore al cervello. Esse inoltre causano in un’area, che è la stata danneggiata, la liberazione di fluido plasmatico in grado di creare un edema che ingloba le cellule danneggiate. Questo gonfiore, responsabile dell’infiammazione, si estende producendo il senso di fastidio e dolore. Quando prendiamo l’aspirina, essa si dissolve nel nostro stomaco e viaggia in tutto il corpo attraverso il flusso sanguigno. Quindi l’Aspirina blocca l’enzima COX-2 e la produzione di prostaglandine. Non più prostaglandine significa non più segnali di dolore. Le cellule del sito danneggiato, ovviamente, sono ancora danneggiate, ma il dolore non viene più generato.

L’arresto delle prostaglandine è anche il motivo per cui le persone assumono aspirina regolarmente per ridurre il rischio di arresto cardiaco, poiché le prostaglandine libere nel sangue possono causare coaguli. Inoltre, l’aspirina riduce la produzione di trombossano, una sostanza chimica che rende le piastrine in grado di legarsi. Con l’aspirina, le piastrine producono meno trombossano e hanno meno probabilità  di formare un coagulo e bloccare un arteria (trombosi). Quindi un semplice farmaco di origine vegetale, discendente dalla pianta del salice, è utile si per la rimozione del dolore che per la prevenzione delle malattie cardiovascolari, riducendo in maniera esponenziale il rischio di ictus ischemico.

Publicato: 2008-05-22Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

L’Aspirina taglia il mal di testa

Due simpatici spot realizzati dall’agenzia egiziana Impact BBDO per l’Aspirina (acido acetilsalicilico) prodotta dalla Bayer, nota azienda farmaceutica. Aspirina L’aspirina trova impiego come analgesico per dolori lievi, come antipiretico (per ridurre la febbre) e come antiinfiammatorio. Ha, inoltre, un effetto anticoagulante e fluidificante sul sangue, per questo il suo uso a piccole dosi aiuta a… Continua a leggere L’Aspirina taglia il mal di testa

2008-07-07Bio Blog

Aspirina – Ascolta la tua testa…

“Aspirina – Ascolta la tua testa”, ma anche – bisognerebbe aggiungere – “il tuo portafogli”. Infatti, dopo la grossa pubblicità  fatta dalla Coop sulle compresse effervescenti di acido acetilsalicilico e acido ascorbico (il principio attivo dell’aspirina con l’aggiunta di vitamina C, come già  contenuto nel VivinC), la Bayer ha deciso di fare una grossa operazione di… Continua a leggere Aspirina – Ascolta la tua testa…

2008-05-15Bio Blog

Aspirina e Coop

Entro un paio di settimane arriverà  in alcuni punti Coop (supermercati e ipermercati) un farmaco contro il mal di testa. Quella che comunemente chiamiamo Aspirina (marchio registrato di Bayer) sostanzialmente altro non è che acido acetilsalicilico; l’aggiunta poi di vitamina C ricreerebbe il prodotto che commercialmente troviamo con il marchio VivinC. Coop in Italia, dopo… Continua a leggere Aspirina e Coop

2008-05-09Bio Blog

Farmaci biologici contro il dolore

Modificare il proprio stile di vita, impegnare parte del tempo e delle energie nella cura della patologia, incidendo pesantemente sui costi dell’assistenza socio-sanitaria. E’ quanto devono affrontare quotidianamente coloro che soffrono di malattie reumatiche, prima causa, secondo l’OMS, di dolore e disabilità  in Europa e che, da sole, rappresentano la metà  delle malattie croniche che… Continua a leggere Farmaci biologici contro il dolore

2009-09-30Bio Blog

Dolore cronico: un aiuto dal web

Sempre più attuale è il tema legato al dolore. Il dolore acuto che spesso cronicizza e diventa un dolore cronico, insopportabile, invivibile e spesso talmente logorante, sia nel corpo, che nello spirito, porta alla disperazione. Il perché si manifesta il dolore, come guarirne in maniera definitiva, quali e quanti tipi di dolore esistono, che cos’è… Continua a leggere Dolore cronico: un aiuto dal web

2009-07-13Bio Blog

Le nuove frontiere della terapia del dolore nel cancro

Uno degli aspetti che rendono il cancro una malattia estremamente debilitante è la presenza di forti dolori che, spesso, non possono essere alleviati con le cure a disposizione. Appaiono, quindi, molto interessanti i risultati della ricerca condotta all’Istituto di Farmacologia dell’Università  di Heidelberg, dove i ricercatori del gruppo di Rohini Kuner hanno identificato due molecole… Continua a leggere Le nuove frontiere della terapia del dolore nel cancro

2009-06-30Bio Blog

Anestetico locale contro il dolore cronico

I ricercatori di Harvard presso il Children Hospital di Boston hanno sviluppato un sistema per un rilascio lento di anestetico che può potenzialmente rivoluzionare il trattamento di dolore durante e dopo l’intervento chirurgico, e potrebbe anche avere buoni risultati sul dolore cronico. Nel lavoro finanziato dal National Institutes of Health (NIH), sono stati utilizzati grassi… Continua a leggere Anestetico locale contro il dolore cronico

2009-04-16Bio Blog