Quantcast
Sensore elettronico per individuare i batteri nocivi | BioBlog

Sensore elettronico per individuare i batteri nocivi

Categoria: Apparecchiature Archivio batteri Dispositivi diagnostici Nanotecnologie
Tag: #anticorpi #Apparecchiature #batteri #Dispositivi diagnostici #nanofibre #Nanotecnologie #stafilococco
Condividi:

Transistor che misurano solo pochi nanometri realizzati in nanotubi di silicio, possono individuare pericolose tossine batteriche, responsabili delle più comuni forme di avvelenamento da cibo. Le tossine batteriche possono essere raggrupate in due categorie: le esotossine e le endotossine. Le esotossine sono sostanze fortemente tossiche prodotte da batteri viventi, che le diffondono liberamente nell’ambiente (botulino, tetano, difterite, etc.). Le endotossine sono invece costituenti le sostanze di cui si liberano i batteri. Batteri patogeni che liberano endotossine sono la salmonella, il vibrione colerico, etc. Nirankar Mishra, assieme al suo team presso l’Università  dell’Idaho, ha impiegato una tecnica di nanolitografia, un processo che permette la creazione di strutture nanometriche per realizzare i nanotubi in silicio. I terminali del nanotubo sono stati poi connessi a una superficie in oro, andando a formare un transistor. Nella fase successiva, quella più interessante dal punto di vista clinico-ingegneristico, sono stati depositati degli anticorpi sul transistor. In questo modo il team è riuscito a scovare le tossine dello Staphylococcus aureus. Lo Stafilococco, o altri batteri, formano un complesso con l’anticorpo che va ad alterare la quantità  di corrente elettrica che scorre attraverso il dispositivo. L’impiego dell’effetto di campo dei transistor per la cosiddetta “biodetection” permette di realizzare dispositivi relativamente economici, ma nello stesso tempo molto sensibili. Mishra spera un giorno di riuscire ad integrare in un unico dispositivo elettronico più transistor con queste caratteristiche, in modo da avere uno strumento diagnostico molto potente, capace di analizzare un ampio spettro di tossine. [maggiori informazioni]

Publicato: 4/6/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Anticorpi anti-hiv

A poco più di un anno dallo stop alle sperimentazioni di nove vaccini contro l’Hiv per inefficacia e pericolosità , Science riporta la scoperta di due nuovi e potenti anticorpi, attivi contro molti ceppi del virus, che fanno intravedere la possibilità  di mettere a punto una nuova terapia preventiva.

10/9/2009Bio Blog

Batteri lattici come veicoli di vaccinazione

Ricercatori della North Carolina State University hanno scoperto che i batteri presenti in tutti i prodotti derivati dal latte, oltre a svolgere un ruolo importante nel sistema gastrointestinale, possono essere usati per rilasciare in modo efficace il vaccino contro l’antrace. Forse, in un prossimo futuro, sarà  possibile somministrare in questo modo un buon numero di… Continua a leggere Batteri lattici come veicoli di vaccinazione

6/3/2009Bio Blog

Epilessia: la nuova probabile cura

C’è un “legame pericoloso” tra le cellule di difesa del corpo, i globuli bianchi, e i vasi sanguigni del cervello. Un legame che è stato scoperto da ricercatori e che potrebbe essere alla base dell’epilessia: studi su topolini hanno infatti evidenziato che bloccando con anticorpi specifici questa interazione, si possono prevenire le crisi epilettiche. La… Continua a leggere Epilessia: la nuova probabile cura

27/11/2008Bio Blog

Vaccino universale contro l’influenza

Il vaccino che ogni anno molte persone fanno per proteggersi ai diversi ceppi virali dell’influenza potrebbe non essere più necessario. È la promessa di un vaccino universale che dura “per sempre”, o come qualcuno dice “per l’eternità ”, e potrebbe rivelarsi un’arma efficace in caso di pandemia. I trial clinici sono cominciati all’University of Oxford: se… Continua a leggere Vaccino universale contro l’influenza

8/9/2008Bio Blog