Quantcast
Il virus del piacere | BioBlog

Il virus del piacere

Categoria: Archivio Cancro Patologie Virus
Tag: #aids #biopsia #Papilloma virus #sesso #sesso orale #stile di vita #Virus
Condividi:

La lingua con chiazze bianche (leucoplasia) è il campanello di allarme di un possibile stato pretumorale. Da non sottovalutare. I tumori del cavo orale e della lingua, infatti, sono in netto aumento: in tutto il mondo colpiscono oltre mezzo milione di persone. Causa primaria è l’HPV, il Papilloma Virus che si trasmette attraverso rapporti sessuali ed induce il tumore del collo dell’utero o di altre aree genitali, sia maschili che femminili. Secondo uno studio pubblicato su Journal of Clinical Oncology, l’aumento dei casi si associa a una maggior pratica del sesso orale tra i ragazzi rispetto a vent’anni fa. Il 50-60% dei maschi sessualmente attivi, secondo altri studi, contrae entro i 18 anni l’infezione che, nella maggioranza dei casi, non dà  sintomi e si risolve spontaneamente. Alcune volte, però, arriva fino alla bocca. La trasmissione avviene, tramite fellatio o cunnilingus, dai genitali di un soggetto HPV positivo. Inizialmente, come avvenuto per l’AIDS, gli studi hanno indagato tra gli omosessuali americani. Si pensava che l’infezione e il tumore che ne può seguire non attecchissero sulla bocca. Di recente si sono osservate le alterazioni tipiche. I primi sintomi sono placchette bianche, indurimenti parziali sulla lingua o sul palato. La biopsia accerta l’eventuale presenza del virus, che va subito trattato prima che diventi tumore. Tumore incurabile e con effetti devastanti, che portano alla mutilazione parziale o integrale della lingua. Il virus HPV, contro il quale è partita anche in Italia una campagna vaccinale tra le adolescenti, potrebbe provocare anche infertilità  maschile.

Publicato: 13/10/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

struttura hiv

Novità  sul fronte Hiv

I ricercatori del Caltech hanno individuato una glicoproteina contenuta nella superficie esterna del virus dell’HIV, che interagisce con i recettori CD4 e che permette al virus di entrare all’interno delle cellule sane per infettarle. Il suo nome è Clade C gp120, è necessario cristallazzare la proteina per poterne studiare al meglio la struttura, per questa… Continua a leggere Novità  sul fronte Hiv

13/4/2010Bio Blog

Il fiume. Un viaggio verso la sorgente dell’HIV e dell’AIDS

A seguito delle recenti polemiche sull’AIDS, questa settimana, ho deciso di presentare un libro importante su questa tematica. “The river”, stampato per la prima volta nel 1999, nasce dall’intenso lavoro di ricerca di Edward Hooper, durante quasi dieci anni sono stati consultati migliaia di documenti in archivi africani, europei ed americani e registrate numerose interviste.… Continua a leggere Il fiume. Un viaggio verso la sorgente dell’HIV e dell’AIDS

24/3/2009Bio Blog

Novità  sul fronte AIDS

Gli scienziati ritengono che alcuni pazienti che vengono a contatto con il virus dell’HIV non sviluppano la malattia, la ragione è da attribuirsi alle cellule B, che conservano una memoria immunitaria che sarebbe in grado di produrre gli anticorpi per la resistenza specifica contro l’HIV. I vaccini attualmente in via di sperimentazione avevano ed hanno… Continua a leggere Novità  sul fronte AIDS

17/3/2009Bio Blog

Cronologia anti-HIV

Nell’ultimo decennio pochissimi vaccini candidati sono arrivati alla fase del trial clinico su larga scala. Finora i metodi tradizionali per indurre gli anticorpi o mobilitare le cellule T non hanno portato a un vaccino in grado di proteggere dall’AIDS. Alla luce di questi fallimenti, il National Institute of Allergy and Infectious Diseases ha annunciato che… Continua a leggere Cronologia anti-HIV

3/2/2009Bio Blog