Quantcast
Droga digitale? | BioBlog

Droga digitale?

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche Dossier Psicologia
Tag: #computer #droghe #musica #Psicologia #Vizi
Condividi:

Nei giorni scorsi si sono rincorse varie “notizie” scaturite da un comunicato stampa della Guardia di Finanza, che parlava di una “droga digitale” che poteva essere “assunta” attraverso il download di file audio (MP3). Molti giornali hanno poi costruito un caso cambiando mano a mano particolari insignificanti, fino ad arrivare al Tg2 che, nella giornata di sabato, affermava l’esistenza addirittura di una conferma scientifica.

Il principio su cui si dovrebbe basare il sistema è quello dei “binaural beats”, due forme d’onda a frequenze con uno scarto massimo di 30 Hz, che se ascoltate una con l’orecchio destro e una col sinistro, dovrebbero portare le onde celebrali a cambiare.

L’effetto è stato scoperto nel 1839 dal professor Heinrich Wilhelm Dove ma, ancora oggi, la comunità  scientifica non ha prodotto risultati che possano definitivamente avvallare la tesi o meno. E qui arriva l’abile venditore che dal suo sito internet “spaccia” delle dosi gratuite per far provare e poi trascina poi nel “tunnel” della dipendenza. Sempre che questi file abbiano un qualche effetto.

Secondo degli esperti del settore, infatti, la notizia è tutta una bufala, tanto che Paolo Attivissimo, sul suo servizio Antibufala, ha pubblicato un articolo che spiega dettagliatamente quanto è successo, e l’associazione Telefono antiplagio ha rilasciato a questo proposito un comunicato stampa. L’effetto che questi file hanno è frutto di una suggestione e non di un reale effetto “sballante”. Per chi volesse provare comunque segnaliamo che esistono alternative gratuite al prodotto “reclamizzato”.

[via Il Disinformatico]

Publicato: 15/7/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Aiuta la ricerca con il tuo computer

Quello che oggi sta diventando un grosso problema per molti ricercatori è l’elaborazione di una mole impressionante di dati ottenuti dall’analisi di genomi e proteomi. Fortunatamente, la mancanza di grandi e costosi calcolatori viene colmata dalla rete con il progetto Berkeley Open Infrastructure for Network Computing (BOINC). Questo programma di calcolo combinatorio, divenuto celebre con… Continua a leggere Aiuta la ricerca con il tuo computer

10/8/2009Bio Blog

FiatLux, visualizzazione immagini biomediche

La Fiatlux Imaging, una società  che ha ricevuto lo scorso agosto l’approvazione da parte della FDA per il loro software di rendering, ha realizzato una nuova soluzione per clinici. Il nuovo prodotto è un sistema di visualizzazione di immagini biomediche provenienti da TAC, risonanza magnetica e radiografie, installato su un dispositivo della Philips. CliniScape mobile… Continua a leggere FiatLux, visualizzazione immagini biomediche

25/3/2009Bio Blog

Upload cerebrale

Un suggerimento di come caricare un libro o altre informazioni di livello elevato nel cervello si può intravedere in alcune delle ricerche più avanzate nel campo delle delle neuroscienze. Gli scienziati stanno studiando come connettere computer e protesi direttamente al cervello e come decifrare il codice neurale, cioè il modo in cui il cervello converte… Continua a leggere Upload cerebrale

3/2/2009Bio Blog

Magneto Man

Non è un Hero della Marvel ma, Joe Falciatano, è un bambino newyorkese di 12 anni, famoso dalle sue parti con lo pseudonimo di Magneto Man. Il motivo è molto semplice: quando Joe si avvicina ad un computer, questo inizia a dare i numeri. Gli basta sedercisi davanti. Il bambino in maniera naturale produce onde… Continua a leggere Magneto Man

1/12/2008Bio Blog